Biografia

«Ciò che siamo non è la lista di ciò che abbiamo fatto».
Nasciamo. Io a Trieste.
Era l’estate del 1972, un luglio appena iniziato. Raccontano di un vento tenue e un caldo gradevole.
Cresciamo. Io nel novanta ero maggiorenne. Tanti capelli da eguagliare i grilli per la testa.
Avevo diciotto anni quando mi hanno regalato una chitarra acustica e l’opera omnia di Freud: scrivevo canzoni carine, con testi un po’ ermetici.
Negli anni novanta studiavo sociologia e lavoravo come copywriter: inventavo pubblicità per alcune agenzie, con molta più convinzione che consapevolezza.
Una mattina mi avvisarono che ero un esperto di comunicazione e di marketing. Imprevisto assoluto: io puntavo a diventare uno scrittore e a trasferirmi sulle isole Fiji.
Quindi? Sono un consulente marketing.
Figlio di due insegnanti che mi dissero: «Fai quello che vuoi della tua vita, ma non insegnare». Quindi? Tengo corsi di formazione.
La vita fa così, ti fa diventare qualcuno senza nemmeno avvisarti. E tu la accogli per tutto quello che ti offre, soprattutto quando ti aspetteresti l’ideale e ti si presenta il reale, bello, pronto e incontrovertibile.
Cerchi spiegazioni agli accadimenti del quotidiano. E leggi.
Sono affascinato e influenzato dagli scritti di Paramahansa Yogananda, dagli studi di Lacan e dalla cifrematica, in precedenza dalla visione del sociologo Parsons, dagli strumenti di Marshall McLuhan e le valutazioni di Ekman. Un po’ come dire che mi piace l’uovo alla coque, il pecorino, le barbabietole e la crostata di frutta: molti pensieri meravigliosi che non sempre puoi collegare tra loro. Cerchi nuove visioni in risposta a domande che per alcuni sfociano nella filosofia, per altri son semplicemente la vita, il quotidiano, appunto.
Cerco, sperimento, soprattutto ascolto, accolgo, mi accorgo (ogni tanto). E scrivo. Poco (sembra ci siano più scrittori che lettori, ai giorni nostri).
Fare. La parola chiave per qualsiasi cosa è fare.
Con consapevolezza, fare.
Con impegno, fare.
Lahiri Mahasaya sosteneva che “facendo, facendo, un giorno è fatto”. Mi convinco di queste parole, perché non vi è strategia se non vi è azione, non vi sono risultati se non vi è impegno.

Le ultime dal Blog

Un progetto di vita

Ci parlavano di uscire dalle regole. Fatto. Di rompere gli schemi e aprire la mente. Fatto. Di avere un pensiero laterale. Fatto. Adesso che siamo nell'epoca della trasformazione, in cui i valori son secolarizzati e gli status symbol sempre meno appaganti, adesso che...

leggi tutto

La gioia non è un’emozione, i valori

I valori son quella cosa il cui etimo ti ricorda a gran voce che: valore significa "disporre della forza". Di recente ho ricevuto diverse opinioni di persone, in buona misura donne, che mettevano in prima posizione il rispetto come valore fondante della nostra vita....

leggi tutto

A scrivere son buoni tutti

Al telefono con una amica pochi giorni fa:
– ” Adesso devo salutarti cara, un romanzo mi aspetta”.
– ” Da leggere o da scrivere?”
– ” Da leggere amica mia, da leggere. A scrivere son buoni tutti.”

leggi tutto

Segui Giuliano su…